Canederli allo speck, ricetta originale Knödel

Buongiorno e bentrovati.

Alcuni giorni fa ho acquistato dei panini freschi di forno ma dopo la cena ho dimenticato di conservare adeguatamente quelli avanzati, che al mattino seguente erano, ahimè, già secchi e immangiabili. Mi dispiaceva buttarli via, anche se solitamente il pane raffermo lo dono agli uccellini che popolano il mio cortile, e ho raccolto idee per realizzare un piatto che prevedesse, appunto, l’impiego del pane secco.

Visto il freddo glaciale di questi giorni, ho pensato che un piatto tipico del nord ci cascasse a pennello e ho deciso di convertire quei panini raffermi in saporiti Canederli.

I Canederli, o Knödel, sono dei grossi gnocchi di pane raffermo tipici della cucina tradizionale trentina, altoatesina, tedesca, austriaca e popolazioni confinanti.

È uno dei primi piatti che ho scoperto quando mi sono trasferita al nord Italia e che ho subito apprezzato. Conosco i canederli in diverse varianti, al formaggio, agli spinaci, allo speck, e li ho gustati sia conditi col sugo di pomodoro, che al naturale accompagnati a stufati di carne, brasati e bagnati con salse da bollito, e anche col brodo.

La mia preferenza va ai canederli allo speck in brodo e in questo post vi dirò come prepararli.

Canederli allo speck, ricetta originale Knödel
Photo credits: pixabay

La ricetta dei Canederli allo Speck è semplicissima e gli ingredienti  necessari sono comuni e facili da reperire.

Ma vediamo.

Canederli allo Speck – Ingredienti

  • 300 g di pane raffermo
  • 150 g di speck
  • 1/5 cipolla bianca di piccole dimensioni
  • 40 g di burro
  • 200 ml di latte
  • 80 g di farina
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • sale

Canederli allo Speck – Procedimento

Puliamo la cipolla e riduciamola ad un trito grossolano. Scaldiamo il burro in una padella antiaderente e facciamo rosolare la cipolla.

Tagliamo il pane a dadini, mettiamoli in una ciotola, aggiungiamo la cipolla rosolata nel burro e lavoriamo con le mani per distribuirla bene.

Riduciamo lo speck a piccoli dadini, aggiungiamoli al composto di pane e cipolla e uniamo anche la farina.

In una ciotola a parte misceliamo le uova con il latte, il trito di prezzemolo e il sale (considerate la salinità dello speck e siate parsimoniosi con l’aggiunta del sale).

A questo punto lavoriamo il composto per amalgamere gli ingredienti e distribuirli in maniera omogenea.

Formiamo i canederli come per ricavare delle grosse polpette.

Canederli allo speck, ricetta originale Knödel

Cuociamo i Canederli allo Speck in abbondante acqua bollente e appena salata per 15 minuti, avendo cura di mettere il coperchio sulla pentola in modo da lasciare uno sfiato per l’uscita del vapore.

Terminata la cottura togliamo i canederli dall’acqua con l’aiuto di una schiumarola, servimoli con brodo caldo o conditi a piacere.

E buon appetito ?

Nota: i Canederli non sottoposti a cottura possono essere conservati in congelatore.