Poinsettia o Stella di Natale pianta che decora le nostre feste

divisore fiorellini verdi

Buongiorno miei lettori.
Avendo da poco inaugurato la rubrica dedicata a fiori e piante, il periodo è quello giusto per parlarvi di Poinsettia che, come immagino, entrerà ad abbellire tantissime delle vostre abitazioni, portando colore e atmosfera natalizia.
divisore fiorellini verdi

La Poinsettia Pulcerrima -originaria del Messico e appartenente alla famiglia delle Euphorbiacee– è da noi meglio conosciuta col nome di Stella di Natale.

Questa pianta arbustiva che entra con molta facilità nelle nostre case e che con altrettanta facilità finisce poi abbandonata al suo triste destino una volta finite le festività natalizie, in natura riesce a raggiungere dimensioni notevoli arrivando a misurare anche 3 metri di altezza.
Quelli che noi erroneamente pensiamo siano i fiori, sono in realtà le foglie della pianta che circondano quella che è poi l’infiorescenza vera e propria, formata da un gruppo di piccoli fiori maschili che circondano un minuscolo fiore femminile.

Poinsettia o Stella di Natale 1

divisore fiorellini verdi

Il colore tipico della specie è il cremisi le cui foglie intermedie sono verde chiaro, ma vi sono differenti colori di cultivar rosso vivo, rosa, bianche e dalle foglie intermedie verde molto scuro.
La coltivazione di questa pianta non è per niente facile e spesso, nonostante le attenzioni che le si dedica, finisce per perire.

Poinsettia o Stella di Natale 2
divisore fiorellini verdi

La Stella di Natale viene utilizzata principalmente per la coltivazione in vaso e tenuta in appartamento durante il periodo freddo.

Può essere trasferita all’aperto nel periodo primaverile e estivo. La coltivazione all’aperto è consentita solo se si è in località con clima particolarmente mite.

In natura la fioritura avviene tra fine inverno e inizio primavera e se noi possiamo godere già adesso dello spettacolo dei suoi colori è perché la fioritura viene indotta cercando di anticiparla con una tecnica che prevede, a partire da settembre, la gestione delle ore di buio e luce cui esporre la pianta.

Se si vuole tentare il metodo di fioritura anticipata, le piante devono essere tenute al buio per 14 ore, annaffiate regolarmente, e ogni 7-15 giorni concimate aggiungendo all’acqua di irrigazione un fertilizzante liquido. Man mano che la pianta cresce va aumentata la somministrazione di potassio.

A fine fioritura la Stella di Natale va potata drasticamente per consentire la produzione di nuovi rami, recidendo i rami esistenti fino a 10 cm dal terreno.

Poinsettia o Stella di Natale 3
divisore fiorellini verdi

La Stella di Natale è una pianta che richiede una buona luminosità

Sopporta anche il sole diretto a patto che al trasferimento da dentro a fuori non venga esposta immediatamente al sole ma le sia dato un periodo di adattamento di 2-3 settimane tenendola in una posizione di ombra o mezz’ombra.
La temperatura ideale per la Stella di Natale è di 12-15°; se si superano i 18° l’ambiente andrebbe aerato.
Necessita di annaffiature regolari anche durante l’inverno e durante lo sviluppo va annaffiata con più frequenza.
Si rinvasa ogni 2 anni, preferibilmente nel mese di marzo, utilizzando un substrato di torba misto a 1/3 di sabbia e concimando con un composto ternario a cessione graduale di microelementi tra i quali non deve mancare il molibdeno la cui assenza provocherebbe una carenza di azoto.

La toelettatura della Stella di Natale si esegue eliminando le foglie secche o danneggiate.

Se si vuole tentare la riproduzione della pianta, da aprile a giugno è possibile prelevare delle talee erbacee o semilegnose. Va bloccata la fuoriuscita del lattice posando la base della talea su polvere di carbone, cenere di sigaretta o acqua calda. In seguito va posta a radicare in vasetti con torba e sabbia in parti uguali. Una volta radicate, le talee vanno invasate singolarmente.

Poinsettia o Stella di Natale

divisore fiorellini verdi

I parassiti che attaccano la Poinsettia sono afidi e aleurodidi che vanno combattuti con insetticidi specifici, e ragnetti rossi e ragnetti gialli che si eliminano con acaricidi.
Molto più facile che la pianta venga colpita da marciume radicale dovuto a funghi, in questo caso è importante prevenirli utilizzando substrati sterilizzati.

Poinsettia o Stella di Natale 5divisore fiorellini verdi

La mia esperienza con questa pianta non è esaltante.

E’ una pianta che amo molto ma che non mi riesce di mantenere.  Una sola volta mi diede la soddisfazione di sopravvivere per ben tre anni, senza produrre brattee rosse ma mostrandosi (la vedete in foto) completamente verde; molto apprezzabile comunque. Fatale le fu il trasloco, infatti è una pianta che mal sopporta i cambiamenti di ambiente, luminosità, sbalzi di temperatura e le annaffiature eccessive.

Poinsettia o Stella di Natale 6

divisore fiorellini verdi

Nonostante ciò, io insisto e ogni anno ci riprovo, regalandomene una nuova, perché è una pianta a cui non riesco a rinunciare e perché a Natale è una pianta che non può mancare in casa mia.
E voi, avete una Stella di Natale in casa?  E se si, la vostra esperienza è negativa o positiva? Siete soliti regalarla per Natale?
Attendo le vostre risposte e, se ne avete, ulteriori consigli per curarla al meglio, ve ne sarei grata. Un saluto e alla prossima!  Kiss ***

vialedeipensieri11/nelmiogiardino

Tra le mie varie passioni le piante e i fiori e in questo spazio cercherò di portarvi la mia esperienza sulle piante di casa, giardino, terrazzo.

6 pensieri riguardo “Poinsettia o Stella di Natale pianta che decora le nostre feste

  • 21 ottobre 2016 in 5:42
    Permalink

    Fra non molto la Stella di Natale invaderà casa mia, tra amici e parenti che me la portano in regalo, ogni anno riesco ad averne anche 5-6 piante. Ora so come prendermene cura, metterò in pratica i tuoi consigli.

    Risposta
  • 14 novembre 2016 in 8:37
    Permalink

    Ma dai, davvero quelli che ho sempre considerato petali sono foglie?
    Celebre (o famigerata?) la mia ignoranza in floricoltura… 😀

    Risposta
  • 14 novembre 2016 in 12:04
    Permalink

    adoro la stella di natale, la prendo ogni anno, mi da sensazione di calore in casa ed atmosfera natalizia

    Risposta
  • 14 novembre 2016 in 19:10
    Permalink

    A te è durata 3 anni. A me dal 13 dicembre al 25 poi è morta. A mio suocera è durata esattamente 3 anni come te ma a lei le foglie diventavano bianche. Però non demordo. Quest’anno ne adotto in altra ❤️

    Risposta
  • 14 novembre 2016 in 20:18
    Permalink

    per me rimande la pianta delle feste invernali, e pensare che arriva dal Messico invece! Il suo colore cremisi dà subito un senso di accoglienza. Anche se pare essere una sfida prendersene cura, di certo darà molta soddisfazione!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *