Layering bellezza pelle
Layering bellezza pelle (photo credits: google images)

Quando mi dicono che ho una pelle molto bella, che non dimostra la sua età, che ho ancora l’aspetto fresco e giovane di tanti anni fa, è chiaro che mi fa piacere.

Sotto questo aspetto mi sento fortunata, ho eriditato tale caratteristica dalla parte di mio padre, ma è anche vero che tanto faccio per prendermene cura.

Spesso mi viene domandato se nascondo un segreto di bellezza. Ebbene sì, lo confesso, da qualche tempo a questa parte ho adottato per la mia beauty routine il metodo del “layering” e, devo dire, la qualità della pelle del mio viso è migliorata tantissimo.

Cos’è il layering?

Il layering è un metodo semplicissimo da eseguire e che richiede solo di impiegare qualche minuto in più alla cura quotidiana della pelle. In questo post mi riferisco alla pelle di viso e collo, ma lo stesso concetto può essere applicato alla pelle del corpo e ai capelli.

Arriva dall’Oriente ed è una tecnica molto diffusa fra le donne asiatiche che, non a caso, vantano una pelle di pesca, fresca, curata, priva di imperfezioni, perfetta o quasi.

Layering significa sovrapporre, stratificare. Nella routine di bellezza quotidiana si applicano più prodotti in sequenza, uno dopo l’altro a formare più “strati”.

Uniche accortezze quelle di scegliere con cura i cosmetici in base alle proprie esigenze di pelle, alle specifiche funzioni di ciascun prodotto, e lasciare tempo di alcuni minuti tra un’applicazione e l’altra per dar modo a ciascun prodotto di venir assorbito bene.

Il layering è un rituale da fare al mattino, dopo aver deterso bene la pelle del viso ed eliminato ogni eventuale traccia di make up.

Di base non può mancare la pulizia del viso, che deve essere delicata ma efficace. In caso di maquillage, preferibilmente usare uno struccante bifasico e, a seguire, rinfrescare ed eliminare eventuali residui con tonico, acqua termale o acqua floreale. Al mattino, con la pelle presumibilmente (io direi tassativamente obbligo farlo!!!) priva di trucco perché eliminato la sera prima, lavare il viso con un detergente delicato privo di lavanti aggressivi.
Alcuni dei miei prodotti preferiti per la pulizia del viso e demaquillage.

Layering-Cosmetici-Pulizia-Viso

Come eseguire il layering.

Si comincia dai sieri, che sono cosmetici ad elevata concentrazione di principi attivi le cui molecole sono ridotte rispetto a quelle delle creme e, quindi, capaci di penetrare velocemente e negli strati più profondi. I sieri hanno anche la capacità di preparare la pelle rendendola più ricettiva verso gli attivi che verranno applicati successivamente, di fatto, potenziando l’effetto stesso delle creme.

  1. Applicare il siero, massaggiare il viso, attendere alcuni minuti per permettere il totale assorbimento (nell’attesa possiamo preparare la caffettiera per la colazione).
  2. Passare ad una seconda stesura di siero, preferibilmente formulato con differenti ingredienti funzionali  rispetto al precedente (ad es. primo: siero idratante, secondo: siero anti-età).
  3. Procediamo con la nostra crema da giorno, massaggiando per agevolarne l’assorbimento, in questo modo attiveremo anche la microcircolazione che ossigenerà i tessuti. Lasciamo trascorrere sempre del tempo tra un’applicazione e l’altra, indicativamente 2-3 minuti.
  4. Adesso possiamo vaporizzare sul viso un’acqua termale o floreale, picchiettando delicatamente con i polpastrelli per agevolarne l’assorbimento (io mi trovo stupendamente con Avène Eau Thermale).
  5. Se la crema non contiene filtri solari, applicare come ultimo strato una crema specifica con protezione adeguata al tipo di pelle e al periodo (stagione fredda vanno bene anche protezioni basse, in estate rigorosamente medio-alte anche se non si ha la pelle particolarmente delicata e chiara)

Eseguendo questo rituale con costanza ogni giorno, ci assicureremo una pelle elastica, tonica, morbida, raggiante e priva di imperfezioni. Possiamo adottare la stessa tecnica per la routine serale, scegliendo prodotti più corposi e ricchi e, come ultimo strato, optare per un olio naturale vegetale che può essere di argan o di rosa mosqueta.

Vi mostro alcuni dei miei prodotti preferiti e che abbino tra loro per fare il layering.

Layering-Sieri-Viso

I Sieri Viso:

Layering-Crema-Contorno-Occhi

Per il contorno occhi:

Layering-Crema-Viso-Giorno

I Trattamenti Viso Giorno:

Layering-Oli-di-Bellezza

Gli Oli eudermici vegetali di bellezza:

Layering-Crema-Viso-Notte

I Trattamenti Viso Notte:

Layering-Protezione-Solare-Viso

Le Protezioni Solari:

Questi sono alcuni prodotti che nel corso del tempo ho abbinato riscontrando ottima compatibilità tra loro.
Anche per quanto riguarda il make up si può procedere con la stratificazione.
Gli strati cosmetici permettono alla pelle di essere maggiormente protetta da agenti esterni e disidratazione, importante è scegliere prodotti quanto più possibile naturali, privi di siliconi (che non fanno male alla pelle ma alla lunga sedimentano ingrigendola e togliendole luminosità e bellezza), privi di petrolati (che non portano alcun beneficio e alla lunga impoveriscono, oltre al fatto che queste sostanze fanno molto male all’ambiente), privi di profumi o con profumi naturali e a basso contenuto di allergeni per non sensibilizzare la pelle.

Non ci sono particolari regole o limitazioni e qualsiasi prodotto va bene per fare il layering, importante è che sia adatto alla nostra tipologia di pelle e che si cominci sempre da quello con texture più leggera (sieri e fluidi idratanti a formula idrosolubile). Fondamentale non trascurare il massaggio, che permette ai cosmetici di penetrare bene e a fondo e, allo stesso tempo, stimola la microcircolazione permettendo una migliore ossigenazione dei tessuti, così, la pelle risulta più morbida ed elastica e, di conseguenza, meno predisposta alla formazione di rughe.

Scontato forse, ma sempre meglio specificare, che i prodotti da abbinare siano tra loro compatibili come tipologia e texture, diversamente tenderanno ad agglomerare lasciando residui come dei grumetti (in gergo “sbriciolano”). Niente di grave, basterà eliminare i grumetti con una velina. Sperimentando capiremo quali prodotti usare in sinergia.

Importante: vitare di abbinare sieri schiarenti ad esfolianti perché l’effetto potrebbe potenziarsi risultando troppo aggressivo. Prestare cautela con i prodotti ad alta concentrazione di acidi.
Regola suprema: pazienza e costanza-costanza e pazienza.
Eseguendo il layering come routine quotidiana i risultati non tarderanno ad arrivare e vedrete la vostra pelle migliorare di settimana in settimana. Prendetelo come sana abitudine di bellezza!

Layering: sinergia per una pelle perfetta
Tagged on:                         

12 thoughts on “Layering: sinergia per una pelle perfetta

  • 10 settembre 2015 at 8:13
    Permalink

    Un metodo semplice ma che richiede costanza. Io Non so se riuscirei ogni giorno a metterlo in pratica, più che altro perché sono pigra, però voglio provare.

    Reply
    • 14 settembre 2015 at 19:49
      Permalink

      Credimi, è solo questione di abituarsi, dopo diventa naturale farlo e, anzi, diventa difficile farne a meno. Un saluto e buona settimana.

      Reply
  • 11 settembre 2015 at 18:24
    Permalink

    Ho letto un breve articolo qualche tempo fa sul metodo del layering ma non era così dettagliato e ho finito per rimanere disinteressata. Ora invece mi sento molto stimolata a provare, se dici che hai ottenuto miglioramenti molto evidenti io ti credo! Grazie del prezioso suggerimento di bellezza. Ciao”

    Reply
    • 14 settembre 2015 at 19:47
      Permalink

      Grazie a te Denise, se deciderai di metterlo in pratica poi fammi sapere come ti trovi. Ciao 🙂

      Reply
  • 13 settembre 2015 at 11:24
    Permalink

    Ciao cara! A parte che sono invidiosissima perchè io non possiedo tutti questi meravigliosi prodotti (ma quando mi trasferirò nella casa nuova ci sarà finalmente posto per tutti!), non avevo mai sentito parlare di questa tecnica, tu come al solito sei all’avanguardia! In realtà la mattina già stratifico parecchio, quindi continuerò su questa strada visto che sembra dare ottimi risultati! 😉
    Nonsolobeautycare.com

    Reply
    • 14 settembre 2015 at 19:47
      Permalink

      Ciao Fede!:) casa nuova? Allora quando sarà offrirai un brindisi virtuale alle tue amichette del web in quanto al layering, te che sei giovanissima investiresti nella tua bellezza futura inserendolo nella tua beauty routine. Grazie per la visita. Baci

      Reply
  • 13 settembre 2015 at 22:19
    Permalink

    Sono molto pigra, ma il rituale del layering me lo concedo tutte le sere… la mattina no: detersione e crema giorno, dovrei alzarmi davvero troppo presto per poter seguire tutta la beauty routine. Comunque hai presentato una serie di cosmetici a me nuovi che sicuramente vale la pena di provare. Grazie per i consigli!

    Reply
    • 14 settembre 2015 at 19:38
      Permalink

      Tutte le sere è una coccola che la pelle del viso non può che apprezzare, pazienza se non puoi farlo anche al mattino, una buona detergenza e il trattamento viso sono sufficienti se manca il tempo.

      Reply
  • 13 settembre 2015 at 22:28
    Permalink

    Mi è capitato di leggere qualche beauty tips riguardo il layering, ma nessun articolo è così completo e ricco di consigli e suggerimenti. Di sicuro il metodo è semplice, anche se richiede del tempo e costanza. Il primo c’è, ma la costanza… Farò in modo di ricordarmi ogni mattina e ogni sera di seguire le regolette!

    Reply
    • 14 settembre 2015 at 19:10
      Permalink

      Una volta che si prende l’abitudine diventa una cosa naturale da fare. Grazie per la lettura, ciao. 🙂

      Reply
  • 24 settembre 2015 at 22:35
    Permalink

    Beh, prima di leggerti mi chiedevo cosa fosse il layering, preparandomi psicologicamente a fare brutta figura (per la serie-, laye-che?
    Invece scopro che “bene o male” anch’io faccio lyering sul viso, anche se non con metodo e costanza come te…cioè anche io ho la mia routine di cura della pelle non troppo dissimile dalla tua, ma tendo a non lasciare tanto intervallo tra una cosa e l’altra: metto il siero…conto fino a 10 (facciamo 12?) e passo oltre con il secondo step, altro che metter su la moka 😀

    Reply

Rispondi