Ale

 

L’occhio si perde ed io lo chiamo.

Ciuffi verde tiziano.

 

Il rosa si fa via via azzurro

E nasce il nuovo giorno

In fila le vacche vanno al pascolo

Ed i pannelli solari le spiano

 

Aria respiro

Sensazione di già vissuto

Il viso di mia nonna compare

Dietro la finestra aperta ai ricordi…

 

…Una bacinella ed un culetto all’aria

Un terrazzo assolato su cui giocare,

le formiche in fila indiana

ed il grande pino che mi sorvegliava

 

un aquilone che mai decollava

e le risate di mio padre

io trafelata che pedalavo

e giù per la discesa ruzzolavo.

 

Prati verdi su cui guardare le nuvole passare

E fiori bianchi da annusare,

uva matura e poi le castagne

scoppiettanti su quella stufa a legna

 

Tante feste da fotografare

Momenti passati ma ancora nel cuore.

Profumo di rose e rosmarino

E le tortore con il nido nel pino

 

La notte si stendeva a riposare

Ed il cielo di stelle si nutriva

Piccole luci e piccoli angoli delle viuzze

Ed il solito cane che abbaiava

 

Guardavo al primavera,

E lei mi salutava

Cavalcavo pensieri

In quelle distese di velluto

 

Campi dorati

Ondeggianti ed ombreggiati

I miei capelli al vento ramati

Ed il ricordo di anni passati

 

L’occhio si perde ed io lo chiamo.

Ciuffi verde Tiziano..

Tonco…

0 thoughts on “Tonco…

Rispondi